Il processo alle intenzioni bancarie: la nullità totale delle fideiussioni omnibus.



1 min read

Nota a App. Bari, 23 giugno 2021, n. 1199.

di Antonio Zurlo

 

 

 

 

Con la recentissima sentenza in oggetto, la Corte d’Appello di Bari ha ritenuto affetto da nullità assoluta il contratto di fideiussione omnibus dedotto in giudizio, poiché riproduttivo delle clausole censurate nel modello ABI con provvedimento di Banca d’Italia n. 55/2005, in quanto violative dell’art. 2, comma 2, lett. a), legge antitrust. Più nello specifico, il Collegio non ritiene ravvisabile la nullità parziale della fideiussione, in considerazione della circostanza per cui la clientela non concorra alla formazione delle condizioni generali di contratto, adottate dagli Istituti bancari, per disciplinare, in modo uniforme, i singoli rapporti. Sicché ben difficilmente può essere ipotizzato che la Banca avrebbe acconsentito ugualmente a stipulare il contratto di fideiussione, qualora il fideiussore si fosse opposto all’inserzione nel contratto delle clausole attenzionate.

In altri termini, meglio nessuna garanzia (con conseguenti profili restitutori, tutt’altro che trascurabili, a carico del debitore principale), che una “monca” (rectius, codicistica).

 

Qui la sentenza.

Iscriviti al nostro canale Telegram 👇

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap