Repetita iuvant: la nullità “antitrust” delle fideiussioni è solo parziale.



4 min read

Nota a Trib. Reggio Emilia, 4 marzo 2021, n. 268.

di Antonio Zurlo 

 

 

 

 

La controversia trae origine da un decreto ingiuntivo ottenuto da un Istituto di credito nei confronti di tre fideiussori. Gli intimati hanno proposto opposizione, eccependo la nullità delle fideiussioni prestate, per violazione della normativa antitrust e, in particolare, per la violazione dell’art. 2, secondo comma, lett. a), l. n. 287/1990, dal momento che i contratti di garanzia de quibus erano asseritamente conformi allo schema predisposto dall’ABI, censurato,con precipuo riferimento agli artt. 2, 6 e 8 con il Provvedimento di Banca d’Italia n. 55/2005. Più nello specifico, gli opponenti eccepiscono la nullità dell’art. 7, che prevede la deroga all’articolo 1957 c.c., con conseguente dispensa a favore della Banca dall’agire entro i termini ivi previsti, trattandosi di pattuizione esattamente riproduttiva della clausola n. 6 dello schema ABI, come detto illegittima. Di conseguenza, argomentano nel senso dell’applicabilità al caso concreto della summenzionata disposizione codicistica, in quanto non legittimamente derogata ed evidenziano, al contempo, come l’opposta non abbia comprovato di aver promosso e continuato, con diligenza, le azioni nei confronti del debitore principale. Gli opponenti concludono chiedendo l’accertamento dell’estinzione dell’obbligazione fideiussoria.

A giudizio del Tribunale reggiano, l’eccezione è fondata. Invero, il giudice osserva che la Corte di Cassazione, dopo aver eluso, perlomeno, inizialmente, di prendere esplicitamente una posizione sulla (in)validità delle fideiussioni contenenti clausole conformi al modello ABI[1], abbia affrontato funditus la tematica, statuendo che la declaratoria di nullità delle tre clausole, per violazione della normativa antitrust, pur non travolgendo l’intero contratto di garanzia, travolga le singole condizioni contrattuali, in ossequio alla teorica della nullità parziale, ex art. 1419 c.c.[2].

Ciò premesso, si osserva che la clausola 6 del modello ABI, c.d. “di rinuncia ai termini” ex art. 1957 c.c., prevede che «i diritti derivanti alla banca dalla fideiussione restano integri fino a totale estinzione di ogni suo credito verso il debitore, senza che essa sia tenuta ad escutere il debitore o il fideiussore medesimi o qualsiasi altro coobbligato o garante entro i tempi previsti, a seconda dei casi, dall’articolo 1957 c.c. che si intende derogato.».

Nel caso di specie, detta pattuizione è stata effettivamente riproposta in modo letterale nell’art. 7 del contratto fideiussorio, sì come l’art. 1, commi 2 e 3, riproduce le altre due pattuizioni violative della normativa anticoncorrenziale, ovverosia quelle di cui agli artt. 2 e 8 del modello ABI (cc.dd. clausole “di reviviscenza” e “di sopravvivenza”).

Essendo il contratto fideiussorio un modello predisposto unilateralmente dalla Banca, per regolare un numero indeterminato di rapporti e compilato a mano negli spazi lasciati liberi per aggiungere il nome del garante e l’importo garantito, per il Tribunale reggiano non pare essere revocabile in dubbio la fattiva coincidenza con lo schema ABI, dichiarato illegittimo per violazione della normativa antitrust.

Non è, del pari, revocabile in dubbio che debba essere dichiarata la nullità della disposizione contrattuale de qua.

Il giudice, per completezza espositiva (sebbene la questione non sia stata sollevata dalle parti), osserva che, trattandosi di eccezione riconvenzionale di nullità della fideiussione, la decisione vada effettuata unitamente al merito dell’opposizione, poiché l’art. 33 l. n. 287/1990, che fonda la competenza delle sezioni specializzate, si applica, per espressa disposizione, solo alle azioni di nullità, e non anche alle eccezioni.

La declaratoria di nullità implica che non vi sia deroga al dettato dell’art. 1957 c.c., con la conseguenza che i fideiussori rimangono obbligati pur dopo la scadenza dell’obbligazione principale, solo a condizione che«il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate.».Onere disatteso, nel caso oggetto della controversia, dalla Banca creditrice[3].

La conclusione è necessitata. Deve essere statuita la nullità, ex art. 1419 c.c., della sola clausola 7 del contratto fideiussorio, dovendosi, conseguentemente, ritenere operante l’art. 1957 c.c.; il creditore ha agito senza rispettare i termini di tale ultima disposizione codicistica e, quindi, deve concludersi per l’estinzione della stessa obbligazione fideiussoria. L’opposizione va accolta e il decreto ingiuntivo opposto revocato.

 

 

Qui la pronuncia.


[1] Cfr. Cass. Civ., Sez. I, 12 dicembre 2017, n. 29810, con nota di S. D’Orsi, Nullità dell’intesa e contratto “a valle” nel diritto antitrust., in Giurisprudenza Commerciale, fasc. 3, 2019, 575. V. anche C. Belli, Contratto a “valle” in violazione di intese vietate dalla Legge Antitrust, in GiustiziaCivile.com, 25 maggio 2018.; Cass. Civ., Sez. I, 22 maggio 2019, n. 13846, già commentata in questa Rivista, con nota di A. Zurlo, Fideiussione omnibus e disciplina anticoncorrenziale, 8 agosto 2019, Fideiussione omnibus e disciplina anticoncorrenziale. | Diritto del risparmio.

[2] Cfr. Cass. Civ., Sez. I, 26 settembre 2019, n. 24044, già annotata in questa Rivista, con commento di A. Zurlo, Le fideiussioni “a valle” e le intese anticoncorrenziali “a monte”: le prime “immunizzate” dalla nullità delle seconde, 2 ottobre 2019, Le fideiussioni “a valle” e le intese anticoncorrenziali “a monte”: le prime “immunizzate” dalla nullità delle seconde. | Diritto del risparmio.

[3] Più nello specifico, agli atti vi è unicamente il testo di una lettera contenente una dichiarazione di credito, senza nemmeno la prova che essa sia stata effettivamente inviata agli organi della procedura concorsuale della debitrice principale e, comunque, non vi è nessuna prova di avere coltivato l’istanza, ove proposta, nei confronti della procedura stessa.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap