Inadempimento dell’obbligo informativo gravante sull’intermediario e presunzione legale di sussistenza del nesso eziologico con il pregiudizio lamentato dall’investitore.



1 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. I, 17 aprile 2020, n. 7905.

di Donato Giovenzana

 

La Cassazione, infatti, in esito ad un approfondito ed organico iter motivazionale, ha enunciato il seguente principio di diritto:

Dalla funzione sistematica assegnata all’obbligo informativo gravante sull’intermediario, preordinato al riequilibrio dell’asimmetria del patrimonio conoscitivo-informativo delle parti in favore dell’investitore, al fine consentirgli una scelta realmente consapevole, scaturisce una presunzione legale di sussistenza del nesso causale fra inadempimento informativo e pregiudizio, pur suscettibile di prova contraria da parte dell’intermediano; tale prova, tuttavia, non può consistere nella dimostrazione di una generica propensione al rischio dell’investitore, desunta anche da scelte intrinsecamente rischiose pregresse, perché anche l’investitore speculativamente orientato e disponibile ad assumersi rischi deve poter valutare la sua scelta speculativa e rischiosa nell’ambito di tutte le opzioni dello stesso genere offerte dal mercato, alla luce dei fattori di rischio che gli sono stati segnalati“.

 

 

Qui il testo integrale della sentenza.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap