Operazioni tramite home banking e facoltà di recesso.



2 min read

Nota a ACF, 2 dicembre 2020, n. 3195.

di Antonio Zurlo

 

 

 

 

Con la recente decisione, l’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) ha preso posizione sull’applicabilità delle norme relative alla facoltà di c.d. “recesso anticipato”, in caso di offerta fuori sede, ai sensi dell’art. 30 del TUF, con riferimento ad alcune operazioni di investimento poste in essere tramite sistema di home banking.

A tal riguardo, in via preliminare, il Collegio evidenzia come l’Arbitro abbia già avuto modo di affermare, senza soluzione di continuità con l’orientamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione[1], che la disciplina sul diritto di recesso, di cui all’art. 30, commi 6 e 7, TUF non si riferisca al contratto – quadro, bensì, eventualmente, alle singole operazioni disposte in esecuzione di esso[2].

Avuto riguardo alle singole operazioni di investimento, l’ACF ha, in vari precedenti, escluso l’applicazione della disciplina di protezione prevista per l’offerta fuori sede nei casi (come quello di specie) di negoziazione di ordini impartiti tramite il sistema di internet banking[3] e per via telematica, attraverso l’uso di credenziali assegnate al cliente[4], non integrando la prestazione di servizi di investimento mediante tecniche di comunicazione a distanza un’ipotesi di “offerta fuori sede” ai sensi dell’art. 30 del TUF.

Da ultimo, risulta, del pari, inconferente il richiamo (operato, nel caso di specie, da parte ricorrente), alla disciplina consumeristica del diritto di recesso, con riferimento ai singoli ordini di acquisto, atteso che l’art. 67duodecies esclude espressamente dal proprio ambito di applicazione i servizi finanziari, il cui andamento dei prezzi dipende da fluttuazioni del mercato finanziario, che il fornitore non è in grado di controllare e che possono aver luogo durante il periodo di recesso.

 

 

Qui la decisione.


[1] Il riferimento è a Cass. Civ., Sez. Un., 3 giugno 2013, n. 13905.

[2] Cfr. ACF, 3 settembre 2019, nn. 1610 e 1611.

[3] V. ex multis ACF, 25 settembre 2019, n. 1856.

[4] V. ACF, 28 novembre 2019, n. 2050.

 

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap