Banca d’Italia – Gli effetti della pandemia sul fabbisogno di liquidità, sul bilancio e sulla rischiosità delle imprese.



1 min read

Pubblicata la nota “Gli effetti della pandemia sul fabbisogno di liquidità, sul bilancio e sulla rischiosità delle imprese”, curata da ricercatori della Banca d’Italia.

La recessione innescata dall’epidemia da covid-19 ha accresciuto in maniera significativa la quota di società di capitali italiane che nel 2020 potrebbero registrare un fabbisogno di liquidità e un deficit patrimoniale.

Le principali misure di sostegno varate dal Governo, tra marzo e agosto, hanno concorso ad attenuare tale incidenza; più nello specifico, tali interventi hanno sostanzialmente annullato il maggior deficit di liquidità; hanno ridotto, pur non eliminandolo, il peggioramento nelle condizioni patrimoniali.

Il ricorso a nuovi prestiti, anche grazie alle garanzie pubbliche, amplierà ulteriormente l’indebitamento, in particolare per le aziende più rischiose. Il conseguente indebolimento dei bilanci aumenterà la probabilità di insolvenza delle imprese.

 

Qui la nota.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap