Nota a Cass. Pen., Sez. II, 10 luglio 2020, n. 25975. di Donato Giovenzana   La Suprema Corte, posto che l’imputato aveva utilizzato l’assegno per pagare la merce, accreditandosi falsamente come congiunto di una cliente della vittima e compilando l’assegno prelevato dal blocchetto completo senza esibire alcun documento d’identità, rilevato che la sentenza della Corte […]

Leggi tutto