1 min read

Nota a Trib. Firenze, Sez. III, 7 marzo 2023, n. 685.

È onere della parte opposta e che si afferma essere cessionaria del credito, provare l’esistenza dell’atto di cessione e più specificatamente l’inclusione del credito per cui si agisce nell’operazione di cartolarizzazione avvenuta ai sensi dell’articolo 58 comma 2 del Testo Unico Bancario e degli articoli 1 e 4 della Legge 130/1999”.
L’avviso di cessione pubblicato nella Gazzetta Ufficiale non è sufficiente a dimostrare l’esistenza del contratto di cessione, il contenuto del suddetto o l’avvenuta efficacia traslativa ex art. 1346 c.c.
In caso di assoluta genericità della ricognizione dei crediti oggetto di cessione nell’avviso di cessione dalla Gazzetta Ufficiale ex art. 58 TUB, l’onere della prova della legittimazione va assolto con la produzione in giudizio del contratto di cessione corredato dai rispettivi elenchi dei crediti ceduti.

Seguici sui social: