Della richiesta di informazioni in relazione alla presunta comunione de residuo.



1 min read

Nota a ABF, Collegio di Bari, 3 dicembre 2021, n. 24670.

di Donato Giovenzana

 

Il Collegio rileva che, nel caso di specie, la ricorrente vorrebbe accedere ad informazioni relative a contratti bancari intestati ad un soggetto ancora in vita.

L’Abf ha già avuto occasione di chiarire che, al momento della morte di un coniuge in regime di comunione legale dei benii beni del coniuge superstite (in particolare, il saldo del suo conto corrente e gli eventuali titoli depositati in amministrazione) non cadono in alcuna comunione di residuo, e pertanto nella successione ereditaria del coniuge premorto (Collegio di Roma, decisione n. 3143 del 2016).

In quanto tali, gli eredi del coniuge premorto non hanno pertanto alcun diritto sul saldo del conto corrente e sugli eventuali titoli depositati in amministrazione che siano intestatati esclusivamente al coniuge superstite (Collegio di Roma, decisione n. 3143 del 2016).

 

Qui la decisione.

Iscriviti al nostro canale Telegram 👇

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori

  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap