Determinazione degli interessi ultraventennali di un buono fruttifero postale serie Q/P (ma originariamente “O”).



3 min read

Nota a ABF, Collegio di Torino, 13 gennaio 2021, n. 970.

di Antonio Zurlo

 

 

 

 

La controversia ha a oggetto due buoni fruttiferi postale, della serie “Q/P”, emessi dopo l’entrata in vigore del D.M. 13.06.1986, originariamente della serie “O”, che riportano i timbri e i segni di una doppia variazione di serie (da “O” a “P/O” a “Q/P”) e dei relativi tassi, senza offrire, pur tuttavia, indicazioni per il periodo successivo al ventesimo anno.

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), senza soluzione di continuità con quanto già affermato in altre occasioni[1], ritiene di dover seguire l’orientamento della giurisprudenza di legittimità, che ha riconosciuto rilevanza alla volontà contrattuale delle parti e, nel contempo, ha tutelato l’affidamento del cliente nell’interpretazione delle risultanze testuali del buono fruttifero. In particolare, le Sezioni Unite[2] hanno chiaramente affermato la prevalenza delle condizioni riportate sul titolo rispetto a quelle dettate dal regolamento istitutivo, sottolineando che «[…] il contrasto tra le condizioni, in riferimento al saggio degli interessi, apposte sul titolo e quelle stabilite dal d.m. che ne disponeva l’emissione deve essere risolto dando la prevalenza alle prime, essendo contrario alla funzione stessa dei buoni postali – destinati ad essere emessi in serie, per rispondere a richieste di un numero indeterminato di sottoscrittori – che le condizioni alle quali l’amministrazione postale si obbliga possano essere, sin da principio, diverse da quelle espressamente rese note al risparmiatore all’atto della sottoscrizione del buono.».

Aderendo a tale interpretazione, la summenzionata decisione del Collegio di Coordinamento ha precisato che «La prevalenza delle indicazioni contenute sul titolo, invero espressamente enunciata dalle Sezioni Unite solo con riferimento alla misura dei rendimenti (…) è stata suffragata dai giudici di legittimità sulla base dell’osservazione per cui, se si può ammettere che le condizioni del contratto vengano modificate (anche in senso peggiorativo per il risparmiatore) mediante decreti ministeriali successivi alla sottoscrizione del titolo, si deve invece escludere «che le condizioni alle quali l’amministrazione postale si obbliga possano essere invece, sin da principio, diverse da quelle espressamente rese note al risparmiatore all’atto stesso della sottoscrizione del buono». In sostanza, l’eterointegrazione del contratto sul piano del contenuto (art. 1339 c.c.) come degli effetti (art. 1374 c.c.), non può aver luogo nell’ipotesi in cui il provvedimento pubblicistico atto a incidervi avesse preceduto il momento della conclusione dell’accordo, e la dichiarazione negoziale (e cartolare al tempo stesso) si connotasse per il fatto di disattendere, e dunque di sostituire, il precetto externus relativamente ad un elemento essenziale del contratto su cui si fosse formato il consenso della parte privata.».

Per giunta, la più recente decisione del Collegio di Coordinamento[3] ha confermato il proprio precedente orientamento, anche dopo l’intervenuto pronunciamento delle Sezioni Unite[4]. Alla luce dei rassegnati principi, nel caso di specie la misura degli interessi modificati (e corrispondenti, quindi, alla nuova serie “Q/P”), risulta stabilita nei timbri leggibili sul retro del buono, apposti successivamente all’entrata in vigore del D.M. 13/06/1986, solo fino al 20° anno. Ne consegue che per il periodo successivo, cioè dal 21° al 30° anno, in assenza di modifica, la liquidazione debba avvenire sulla base delle condizioni originariamente riportate sul retro del buono, entro i limiti formulati nella domanda di parte.

 

 

 

Qui la decisione.


[1] Cfr. ABF, Collegio di Torino, n. 4868/2017; ABF, Collegio di Coordinamento, n. 5676/2013.

[2] Cfr. Cass., Sez. Un., n. 13979/2007.

[3] Il riferimento è a ABF, Collegio di Coordinamento, 03.04.2020, n. 6142.

[4] Il riferimento è a Cass., Sez. Un., n. 3963/2019.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap