Assicurazione sulla vita: morte del disponente e successione degli eredi del beneficiario.



1 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. III, 15 aprile 2021, n. 9948.

di Donato Giovenzana

 

In esito ad un’organica ed approfondita  trattazione in sede motivazionale, la Suprema Corte ha affermato il seguente principio di diritto:

La disposizione di cui all’art. 1412, secondo comma, cod. civ., in base alla quale, con riferimento al contratto a favore del terzo, la prestazione al terzo, dopo la morte dello stipulante, deve essere eseguita a favore degli eredi del terzo se questi premuore allo stipulante, purché il beneficio non sia revocato o lo stipulante non abbia disposto diversamente, si applica anche al contratto di assicurazione sulla vita. Ne consegue che, qualora in detto contratto il terzo beneficiario premuoia al disponente (e non ricorrano le dette due evenienze), non si può ritenere che il diritto a suo favore non sia sorto in quanto condizionato alla morte del disponente. Nel detto contratto la morte del disponente non è, infatti, evento condizionante la nascita del diritto alla prestazione, ma evento che determina solo la sua esigibilità, e ciò a prescindere dal motivo intuitu personae o previdenziale sottostante alla designazione del beneficiario.”.

 

Qui l’ordinanza.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori

  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap