1 min read

Nota a Giudice di Pace di Fermo, 15 febbraio 2024, n. 36.

In una controversia in materia assicurativa, il convenuto eccepiva che la procedura di mediazione era stata introdotta dalla Compagnia assicurativa innanzi ad un organismo di conciliazione incompetente per territorio e per tale ragione, eccepiva l’improcedibilità della domanda giudiziale.
Il Giudice di Pace di Fermo, con sentenza n 36/2024, ha accolto l’eccezione ed ha rilevato quanto segue:
in generale, la domanda di mediazione presentata unilateralmente dinanzi ad un organismo che non è territorialmente competente, non produce effetti e deve essere dichiarata improcedibile;
l’art. 84 del D.L. 69/ 13 (convertito con modificazioni dalla Legge 9 agosto 2013 n. 98 prevede, infatti, che l’istanza di mediazione debba essere presentata presso un organismo che ha sede nel luogo del giudice competente per la controversia;
pertanto, il luogo della mediazione deve corrispondere al luogo del giudizio;
nel caso di specie, la mediazione è stata radicata presso la sede di un organismo territorialmente incompetente;
non rileva che l’organismo di mediazione sia accreditato su tutto il territorio nazionale poiché l’invito alla procedura di mediazione è stato formulato per un incontro presso la sede dell’organismo territorialmente incompetente ed, in particolare, in un luogo diverso rispetto a quello del Giudice territorialmente competente per la causa di merito;
neppure rileva che la mediazione sia stata svolta con modalità telematica poiché la possibilità di partecipare al procedimento anche per via telematica è rimessa alla volontà di chi è chiamato e non può essere strumentalmente utilizzata da chi introduce il procedimento per derogare al disposto dell’art. 4; si tratta, infatti, di una mera modalità di svolgimento dell’incontro che non può incidere e/o vanificare la regola di competenza.
Per tali ragioni, il Giudice ha dichiarato improcedibile la domanda giudiziale per mancato esperimento del procedimento di mediazione.

Seguici sui social: