1 min read

Nota a Trib. Treviso, Sez. II, 31 gennaio 2024.

Il Tribunale di Treviso con ordinanza del  31 gennaio 24  in materia di concordato preventivo,  a proposito della disciplina di recente introduzione  in tema di misure protettive  ha chiarito  che le misure protettive discendono automaticamente dalla richiesta che il debitore ne faccia e non necessitano di essere “concesse” dal Tribunale;  l’intervento del giudice – chiarisce il Tribunale – dunque è  comunque previsto ma spostato ad un momento successivo al prodursi delle misure, quello cioè della loro conferma o revoca.

Seguici sui social: