L’estinzione di c/c cointestato non può essere disposta su istanza di un solo coerede.



1 min read

Nota a ABF, Collegio di Napoli, 26 gennaio 2022, n. 1666.

di Donato Giovenzana

 

Il Collegio partenopeo, nel contesto di una più articolata vicenda, concernente il comportamento tenuto dall’intermediario nella gestione di una pratica successoria, ha dovuto esaminare anche l’istanza di estinzione dei rapporti bancari, c/c e dossier titoli, entrambi cointestati, avanzata da un coerede del cointestatario defunto.

In subjecta materia, ha richiamato la decisione del Collegio di Coordinamento ABF n. 24360/2019, che ha fissato il principio di diritto secondo cui:

il contratto di conto corrente bancario non si estingue automaticamente per effetto della morte del correntista, ma in conseguenza di una espressa manifestazione di volontà da parte degli eredi. Resta fermo che il comportamento della banca debba essere improntato a correttezza e buona fede anche nei confronti degli eredi”.

In forza di quanto sopra l’Abf campano ha dedotto che l’estinzione di un rapporto contrattuale fra l’intermediario e più coeredi non può essere disposto ad istanza di uno solo di essi, per il che tale domanda non può trovare accoglimento.

 

Qui la decisione.

Iscriviti al nostro canale Telegram 👇

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori

  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap