Nullità del verbale per mancanza del decreto prefettizio.



1 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. II, 26 aprile 2021, n. 10918.

Redazione

Il verbale di contestazione differita del superamento dei limiti di velocità, accertato mediante autovelox, deve indicare gli estremi del decreto prefettizio. Difatti, la mancanza di tale indicazione integra un vizio di motivazione del provvedimento sanzionatorio, che pregiudica il diritto di difesa e non è rimediabile nella fase eventuale di opposizione[1]. Invero, solo l’indicazione degli estremi del decreto nel verbale rende possibile al destinatario della contestazione l’accesso alla documentazione amministrativa e la predisposizione della difesa.

Il rilievo si salda alla previsione contenuta nell’art. 201 cod. strada, che esige l’indicazione nel verbale di contestazione dei motivi, che hanno impedito la contestazione immediata e, quindi, ove ciò accada in quanto l’infrazione sia stata accertata a mezzo di apparecchiatura di rilevamento della velocità, la legittimità dell’accertamento e con esso dell’esercizio del potere sanzionatorio si rinviene proprio nel decreto prefettizio.

 

 

 

Qui la sentenza.


[1] Cfr. ex plurimis Cass. n. 24214/2018; Cass. n. 26441/2016; Cass. n. 331/2015; Cass. n. 2243/2008.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap