Gli effetti della contestazione di conformità di una copia all’originale ex art. 2719 c.c.



2 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. I, 27 aprile 2020, n. 8213.

di Donato Giovenzana

 

Fra i motivi di doglianza avanzati dalla banca, nel ricorso per cassazione, vi è l’affermazione secondo cui non erano stati indicati gli indizi gravi, precisi e concordanti di conformità e la statuizione secondo cui la produzione dei contratti originali di negoziazione titoli era inammissibile in sede di appello.

Secondo la Suprema Corte, la contestazione di conformità di una copia all’originale ex art. 2719 c.c., non ha gli stessi effetti del disconoscimento della scrittura privata ex art. 215 c.p.c., comma 1, n. 2.

Mentre infatti il disconoscimento, in mancanza di richiesta di verificazione preclude l’utilizzabilità della scrittura, la contestazione ai sensi dell’art. 2719 c.c., non impedisce al giudice di accertare la conformità all’originale anche mediante altri mezzi di prova, comprese le presunzioni (Cass. 7522 del 2007).

Di conseguenza, non è conforme a diritto la statuizione di inammissibilità della esibizione del contratto originale ai fini della valutazione di conformità della copia già prodotta in primo grado, trattandosi di documento decisivo ai fini della dedotta nullità del contratto per carenza di forma scritta.

Ed invero, secondo il recente indirizzo delle SS.UU., prova nuova indispensabile, di cui all’art. 345 c.p.c., comma 3, previgente rispetto alla novella di cui al D.L. n. 83 del 2012, art. 54, comma 1, lett. b), conv. dalla L. n. 134 del 2012, è quella idonea ad eliminare ogni possibile incertezza circa la ricostruzione fattuale accolta dalla pronuncia gravata, smentendola o confermandola senza lasciare margine di dubbio, oppure provando quel che era rimasto non dimostrato o non sufficientemente dimostrato, a prescindere dal rilievo che la parte interessata sia incorsa, per propria negligenza o per altra causa, nelle preclusioni istruttorie di primo grado (Cass. 10790/2017). Pertanto, in accoglimento del ricorso, la Corte cassa la sentenza impugnata con rinvio alla Corte d’Appello.

 

 

Qui il testo dell’ordinanza.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap