Rapporto annuale UIF per il 2018, n. 11 – 2019



Rapporto annuale dell’Unità di Informazione Finanziaria per il 2018

 

 


Nel 2018 la collaborazione attiva ha continuato ad assumere dimensioni crescenti. Le segnalazioni di operazioni sospette sono aumentate a oltre 98.000, di cui più di 1.000 relative a sospetto di finanziamento del terrorismo. La diversificazione e l’aumento del numero di segnalanti ha indotto la UIF a ricercare metodologie di analisi differenziate, sviluppando il ricorso ai modelli comportamentali e alle analisi aggregate, specie in ambiti, come quello dei money transfer, in cui le singole operazioni segnalate sono di importo contenuto ma, per la loro numerosità e frequenza, possono rappresentare componenti di attività altamente rischiose. Le segnalazioni analizzate e trasmesse agli Organi investigativi hanno superato quelle ricevute, con un’ulteriore erosione dello stock in lavorazione, già molto contenuto. Gli esiti investigativi confermano l’utilità delle analisi condotte, che hanno spesso determinato l’avvio di importanti indagini, anche in tema di corruzione e di criminalità organizzata. Da settembre sarà avviata la rilevazione delle comunicazioni oggettive che riguarderanno i prelevamenti e i versamenti di contante, in considerazione dell’ampia diffusione che tale strumento continua ad avere nel nostro Paese e della rilevanza che i relativi dati rivestono ai fini delle analisi delle segnalazioni di operazioni sospette e dei flussi finanziari.

 

Si sono intensificate le collaborazioni con le Procure e con gli Organi investigativi e sono stati avviati gli scambi con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Sono aumentati anche gli scambi informativi con le FIU estere data la rilevanza dei flussi transnazionali analizzati.

 

Nella convinzione che il contributo della Pubblica amministrazione, ancora troppo contenuto, sia prezioso per approfondire le operazioni sospette segnalate e per individuarne altre di difficile rilevazione da parte dei soggetti obbligati, l’Unità ha aggiornato gli specifici indicatori di anomalia e rafforzato l’azione di formazione e sensibilizzazione degli operatori pubblici.

 

L’attività dell’Unità è stata inoltre volta a cogliere e approfondire i cambiamenti sui mercati finanziari e le nuove vulnerabilità. Le prime evidenze sui rischi delle valute virtuali in termini di potenziali utilizzi a fini criminali hanno indotto la UIF a focalizzare l’attenzione sulle caratteristiche delle operazioni sospette in crypto-asset. Più in generale la nuova morfologia del mercato dei servizi di pagamento, cui hanno dato impulso le tecnologie Fintech e la direttiva PSD2, richiede un ulteriore aggiornamento dei presidi e delle sensibilità. La strategia della UIF è incentrata su una più stretta partnership con gli operatori del comparto per concorrere ad una maggiore consapevolezza dei rischi di riciclaggio a esso connessi.

 

Documenti:

 

Fonte testo e immagini: www.bancaditalia.it

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap