Tribunale Roma: Temo, sommatoria interessi corrispettivi e moratori e omessa indicazione ISC



4 min read

Trib. Roma, sent. n. 10007 del 16.05.2018

di Michael Lecci

 


I giudici romani tornano ad esprimersi in merito alla sommatoria del tasso di interesse corrispettivo e moratorio, al tasso effettivo di mora ed alla natura anatocistica del piano di ammortamento alla francese.

  • Sommatoria tra tassi corrispettivi e moratori

Non è corretta la tesi secondo cui l’interesse di mora vada sommato a quello convenzionale e tale somma vada confrontata con il tasso soglia antiusura prevsito per gli interessi convenzionali dalla legge n. 108 del 1996. Infatti, qualora il debitore divenga moroso, il tasso di interesse di mora non si aggiunge agli interessi convenzionali, ma si sostituisce agli stessi: gli interessi convenzionali si applicano sul capitale a scadere, costituendo il corrispettivo del diritto del mutuatario di godere la somma capitale in conformità al piano di rimborso graduale (art. 1815 c.c.), mentre gli interessi di mora si applicano solamente sul debito scaduto (art. 1224 c.c.). L’eventuale caduta in mora del rapporto non comporterebbe comunque una somma dei due tipi di interesse, venendo gli stessi di mora ad applicarsi unicamente al capitale non ancora restituito e alla parte degli interessi convenzionali già scaduti e non pagati qualora gli stessi fossero imputati a capitale.

  • Tasso Effettivo di Mora (TEMO)

La valutazione complessiva dell’interesse moratorio con le altre voci di spesa collegate alla stipulazione del contratto e all’estinzione anticipata del rapporto costituisce un’operazione logicamente e giuridicamente errata. Il TEMO è del tutto inattendibile dal momento che tale nozione muove dal presupposto di sommare spese e oneri agli interessi moratori, effettuando una analogia con il concetto di TAEG , senza tenere conto che quest’ultimo parametro ha logica solo se riferito agli interessi corrispettivi e agli oneri accessori all’erogazione del credito, dovendo escludere tale accessorietà degli oneri rispetto all’interesse moratorio, che invece dipende non dall’erogazione del credito, quanto piuttosto dall’inadempimento del debitore.

Non è corretto includere nella determinazione del TEG la commissione di estinzione anticipata, in quanto detta clausola costituisce previsione contrattuale distinta dagli altri oneri e spese inclusi nel calcolo del TEG, perché meramente eventuale, potendo essere considerata alla stregua di una penale.

  • Anatocismo metodo di ammortamento alla francese

Destituita di fondamento anche la presunta applicazione di interessi anatocistici contra legem quale conseguenza del metodo di ammortamento c.d. alla francese. L’opzione per l’ammortamento alla francese non comporta l’applicazione di interessi anatocistici se gli interessi che vanno a comporre la rata da pagare sono calcolati sulla sola quota di capitale.

Infatti nel caso di ammortamento alla francese, a fronte di un capitale preso a prestito all’epoca iniziale, il debitore deve corrispondere rate di importo costante costituite da una quota-interessi decrescente e da una quota-capitale crescente. Ne consegue che anche nel metodo di capitalizzazione alla francese gli interessi vengono calcolati sulla quota capitale via via decrescente e per il periodo corrispondente a ciascuna rata, sicché gli interessi conglobati nella rata successiva sono a loro volta calcolati unicamente sulla residua quota di capitale, ovverosia sul capitale originario detratto l’importo già pagato con la rata o le rate precedenti. La caratteristica del piano di ammortamento alla francese non è quindi quella di operare un’illecita capitalizzazione composta degli interessi, ma soltanto quella della diversa costruzione delle rate costanti in cui la quota degli interessi e quella di capitale variano al solo fine di privilegiare nel tempo la restituzione degli interessi rispetto al capitale. Peraltro, il piano di ammortamento alla francese risulta più rispettoso del principio di cui all’art. 1194 c.c., in quanto prevede un criterio di restituzione del debito che privilegia appunto, sotto il profilo cronologico, l’imputazione ad interessi rispetto a quella al capitale.

  • Mancata indicazione dell’ISC

Relativamente alla pretesa violazione dell’art. 117, comma 6, TUB, per mancata indicazione del TAEG/ISC il Tribunale evidenzia, come già fatto in altre occasioni[1], che il Tasso annuo effettivo globale (TAEG) e l’indice sintetico di costo (ISC) sono concetti finanziari sostanzialmente equivalenti che esprimono in percentuale il costo effettivo di un finanziamento o di altra operazione bancaria di concessione di una linea di credito. Si tratta di un indice introdotto dalla direttiva europea 90/88/CEE e recepito nel sistema normativo italiano, per la prima volta, dalla Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio n. 10688 del 4/03/2003, che, all’art. 9, comma 2, prevede, in relazione alle operazioni e ai servizi individuati dalla Banca d’Italia, l’obbligo, per tutti gli intermediari, “a rendere noto un “Indicatore Sintetico di Costo” (ISC) comprensivo degli interessi e degli oneri che concorrono a determinare il costo effettivo dell’operazione per il cliente, secondo la formula stabilita dalla Banca d’ltalia medesima”. L’ISC non costituisce, quindi, un tasso di interesse o una specifica condizione economica da applicare al contratto di finanziamento, ma svolge unicamente una funzione informativa finalizzata a mettere il cliente nella posizione di conoscere il costo totale effettivo del finanziamento prima di accedervi.

Conseguentemente, prosegue il giudice, l’erronea indicazione dell’ ISC non potrà incidere sulla validità delle clausole contrattuali ex art. 117 TUB ma potrà rilevare solo sotto il profilo della responsabilità contrattuale, qualora venga dedotto un danno causalmente connesso alla violazione dell’obbligo informativo gravante sulla banca.

[1] Si veda La difformità del Taeg (effettivo) non comporta la nullità della clausola di determinazione degli interessi

 

Qui la pronuncia: Trib. Roma, n. 10007 del 16.05.2018

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap