La Pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso di cessione dei crediti e l’esonero della banca dall’obbligo di notifica alle singole controparti.



1 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. VI, 29 settembre 2020, n. 20495.

di Donato Giovenzana

 

Per la Suprema Corte, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso di cessione dei crediti costituisce presupposto della cessione “in blocco” dei rapporti giuridici nei confronti dei debitori ceduti che dispensa la banca dall’onere di provvedere alla notifica della cessione alle singole controparti dei rapporti acquisiti; ma tale adempimento è estraneo al perfezionamento della fattispecie traslativa e non incide sulla circolazione del credito, il quale fin dal momento in cui la cessione si è perfezionata è nella titolarità del cessionario, che è quindi legittimato a ricevere la prestazione dovuta, anche se gli adempimenti richiesti non sono stati ancora eseguiti.

Ed infatti la suddetta pubblicazione può essere validamente surrogata dagli adempimenti prescritti in via generale dall’art. 1264 c.c. e segnatamente dalla notificazione della cessione, che non è subordinata a particolari requisiti di forma e può quindi aver luogo anche mediante l’atto di citazione con cui il cessionario intima il pagamento al debitore ceduto, ovvero nel corso del giudizio.

La Suprema Corte ha evidenziato che la sentenza impugnata ha dato conto che la finanziaria, intimando il pagamento, aveva comunicato ai debitori l’avvenuta cessione del credito con raccomandata, già prima del deposito del ricorso per decreto ingiuntivo, con la conseguente inutilità di ulteriori adempimenti.

 

 

Qui la pronuncia.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap