Parere CSM sul D.L. n. 18/2020.



2 min read

Con delibera 26 marzo 2020, il CSM ha approvato il parere relativo al D.L. n. 18/2020 (c.d. “Cura Italia”), che, in relazione all’emergenza sanitaria da Covid-19, detta disposizioni in ordine all’attività giudiziaria.
Con riferimento alla previsione del rinvio d’ufficio di tutte le udienze, salvo determinate eccezioni, il parere rileva come per “udienza” debba intendersi sia quella pubblica sia quella camerale; per contro, possono essere svolte le camere di consiglio tra magistrati, fatto il problema dell’uso dei sistemi di collegamento da remoto.
Quanto alle udienze civili da celebrare necessariamente, si rileva come per i giudizi in materia di famiglia e, in particolare, quelli in materia di alimenti e obbligazioni alimentari, nonché per quelli di inibitoria dell’efficacia esecutiva delle sentenze, sarebbe opportuno introdurre, in sede di conversione, una clausola che limiti la trattazione ai soli giudizi in concreto indifferibili.
Per le udienze civili da remoto, la delibera individua le maggiori criticità nel fatto che il carattere ancora sperimentale di tale modalità di celebrazione impone maggiori cautele quanto all’accertamento dell’effettiva instaurazione del contraddittorio e delle ragioni dell’assenza di una delle parti; dovrà poi verificarsi come procedere alla redazione del verbale di udienza. Maggiori problemi interpretativi vengono invece segnalati per il caso in cui in luogo del contraddittorio orale vi sia lo scambio telematico di note.
Da ultimo, il parere auspica un migliore coordinamento fra il D.L. n. 18 e il D.L. n. 19, non completamente abrogato con riferimento alla c.d. “Zona rossa”.
In tal guisa, quanto ai profili ordinamentali, il parere contiene l’invito al legislatore a individuare gli strumenti più idonei a consentire lo svolgimento di attività indifferibili in uffici in ipotesi interessati dal contagio, quale, ad esempio, la concentrazione delle attività negli uffici di più grandi dimensioni (atteso che l’applicazione esporrebbe il magistrato applicato al rischio di contagio).
Infine, il parere auspica l’estensione delle misure di sostegno economico per GOP e VPO ad altre categorie di magistrati onorari.

 

 

Qui il testo integrale del parere.

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori


  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap