Mancata tempestiva presentazione all’incasso dell’assegno bancario ed estinzione dell’obbligazione.



1 min read

Nota a Cass. Civ., Sez. VI, 22 febbraio 2022, n. 5794.

di Donato Giovenzana

 

La Suprema Corte ha condiviso la Corte territoriale che ha dato seguito all’orientamento di legittimità, secondo cui in base alla regola di correttezza posta dall’art. 1175 c.c., l’obbligazione del debitore si estingue a seguito della mancata tempestiva presentazione all’incasso dell’assegno bancario da parte del creditore, che in tal modo, viene meno al suo dovere di cooperare in modo leale e fattivo all’adempimento del debitore; se, quindi, il creditore omette, violando la predetta regola di correttezza, di compiere gli adempimenti necessari affinché il titolo sia pagato, nei termini di legge, dalla banca trattaria (o da altro istituto bancario), tale comportamento omissivo deve essere equiparato a tutti gli effetti di legge all’avvenuta esecuzione della diversa prestazione, con conseguente estinzione dell’obbligazione, ex art. 1197 c.c.

 

Qui l’ordinanza. 

Seguici sui social:

Ricerca avanzata


  • Categorie

  • Autori

  • Seleziona il periodo

Copy link
Powered by Social Snap